Sono due mesi che non scrivo sul blog, ormai i social hanno vinto e un po’ mi dispiace, perché questa è casa, con la rilassatezza di un divano comodo, non è la frenesia del ballo delle sedie che si vive su Facebook.
Ma vabbè.

Comunque, in questi due mesi, sono successe alcune cose di cui vi faccio il sunto, tisana alla mano.

 

Gssp+Barbara-coniglio

Si riparte col Gruppo di Supporto Scrittori Pigri
Torna il GSSP Fare un romanzo, abbiamo iniziato da poco la promozione, c’è la solita Tariffa Promo per chi si iscrive entro il 31 luglio, c’è la solita Tariffa Pigri per chi ha già fatto un GSSP, c’è l’attesissima gara di incipit per vincere due iscrizioni (partirà il 27 luglio).
E per quest’anno ho anche due assistenti alla promozione che mi permetteranno di spaparanzarmi su una sdraio al sole, sorseggiare acqua di cocco e non andare nel panico se qualche giorno non avrò il Wifi.
Questo sarà il quinto GSSP, secondo per l’edizione sul romanzo, un laboratorio che si consolida di anno in anno e che ogni volta si conferma un’esperienza intensa, impegnativa ma soprattutto bellissima.

Inizierà il 18 settembre, durerà tre mesi e si concentrerà sulla costruzione di un romanzo, ciascuno il proprio, per partire dall’idea e arrivare al primo capitolo attraverso esercizi di lavoro su personaggi, narratore, linguaggi, struttura e storia. E per imparare a presentarlo a una casa editrice o a un agente letterario.
Se avete voglia di capire come costruire e scrivere un romanzo, è il laboratorio che fa per voi.
Ovunque voi siate, perché tutto si svolge su un forum online, senza limiti di orario, di giorni, di tempo.

 

Genova d'autore
Ho consegnato un racconto a Morellini Editore
A ottobre 2017 uscirà Genova d’autore, curata da Gabriella Kuruvilla, un’antologia di racconti su Genova per la collana “Città d’autore”.
Insieme a me altri scrittori a raccontarvi qualcosa della nostra Superba.
Non credo di potervi dare anticipazioni sul mio racconto, dovrete aspettare quest’autunno per scoprirlo.

 

Yoga al mattino
Ho deciso dove andrò in vacanza
Più o meno. A dirla tutta l’ha deciso la mia amica che mi trascinerà in Kerala. India. Ad agosto. Già.
È andata così.
Isa – Flower! Ho deciso dove andiamo ad agosto!
Ba (con un brivido ghiacciato sottopelle) – Dove?
Isa – Si va in Kerala!
Ba (certa di aver capito male) – È in India. In India ad agosto. Piuttosto vado a vendere angurie sulla tangenziale di Milano.
Isa – Sciocca, il Kerala è meraviglioso, ti piacerà. Andiamo in una clinica ayurvedica.
Ba – UNA COSA?
Isa (trillante di gioia) – Fidati! È bellissimo! Torniamo asciuttissime, tonicissime, senza pancia né cellulite. È fantastico!
Ba – Ti è entrato lo scirocco nel cervello?
Isa (ticchettando sulla tastiera) – Sì! C’è posto! Mando subito una mail per prenotare due stanze.
Ba – Isa, aspetta un attimo, parliamone.
Isa (sventolando le mani per aria) – Ti piacerà da matti, ne sono sicura.

Preparatevi tutti, il Kerala sta per accogliere le White&Flower e per l’occasione abbiamo creato una pagina Facebook dedicata. Perché già i preparativi hanno un certo valore narrativo e perché là avremo il Wifi. E perché ci danno l’omaggio monsoni, ossia due giorni in più. Omaggio monsoni, già.
Se non altro i miei gatti sono salvi: qualcuno farà loro compagnia per le settimane di mia assenza. Beati loro.

 

Mia nonna saluta e chiede scusa L'uomo che metteva in ordine il mondo
Ho scoperto un nuovo autore di cui mi sono innamorata: Fredrik Backman
Sul serio, quando ho iniziato a leggere la prima riga di “Mia nonna saluta e chiede scusa” ho sentito il cuore battere in un modo diverso, come fa quando si sta preparando a godersi qualcosa di molto bello.
Purtroppo in Italia sono stati tradotti solo tre suoi libri e io ne ho già letti due, la crisi d’astinenza è dietro l’angolo.
Con Mia nonna saluta e chiede scusa chiudete gli occhi e andate a Miamas con Elsa e sua nonna: non ve ne pentirete (a meno che non siate degli intelligentoni).
Credo che l’autore abbia amato Big Fish visceralmente e ne abbia assorbito l’incanto, traducendolo in questo libro magico, profondo, emozionante, divertente, poetico, intelligente.
Con L’uomo che metteva in ordine il mondo Backman, ancora una volta, non gioca sull’imprevedibilità, sull’effetto sorpresa, ma sulla bellezza della vita che accade, su personaggi straordinari, su anime profonde e bellissime, su una scrittura leggera, ironica e capace di afferrarti le viscere e stritolarle quando arriva il momento del dolore.

 

Altre cose, vediamo.
Sì, ho perso i tre chili in eccesso che avevo.
Poi ne ho recuperati due.
E c’è nell’aria un nuovo romanzo, ma questa è un’altra storia.