Diverso sarò io - AntologiaRicordate il concorso letterario di Pescepirata “Diverso sarò io”? Ne avevo parlato qui.
Bene, è diventato un libro.

Massimiliano Tosarelli, Capitan Pescepirata, ha selezionato i migliori racconti in concorso e fuori concorso e ne ha fatto un’antologia.
Non si tratta solo di una bella raccolta di inediti, si tratta anche di un’impronta che resta nella lotta contro le discriminazioni di qualunque genere.
Perché è anche, e soprattutto, con la parola, con il pensiero, con la scrittura e con l’intelligenza – in sintesi con la cultura – che possiamo combattere un certo modo di pensare, la paura del “diverso” e l’incapacità di accettare la libertà di essere e di fare come un diritto di tutti e non solo di alcuni.

Questa curatissima (e amatissima, perché vi assicuro che è stata fatta con un cuore da Pescepirata, quindi enorme) antologia di racconti sulla diversità nasce dal dono di tutti gli autori e di chi ci ha lavorato.
Di chi è contrario a qualsiasi forma di discriminazione sessuale, razziale, culturale, sociale. Di chi promuove la libertà di espressione, di parola, di identità e di religione. Di chi ritiene che una società moderna e ricca di diversità sia sinonimo di una società plurale e inclusiva.

Tra i fuori concorso, oltre a un mio pezzo, ce ne sono anche di (in ordine alfabetico così non facciamo discriminazioni) Stefano Amato, Lorenzo Mazzoni, Gianluca Morozzi e Paolo Zardi.
Ma non solo.

Se almeno duecento persone si impegneranno a comprarne una copia (per 10 euro), si copriranno le spese di stampa per molte più copie e il libro potrà essere pubblicato e distribuito.
Qui c’è un crowdfunding in corso, a cura della casa editrice “Ad est dell’equatore”, per raccogliere le quote di chi vuole essere uno dei produttori di questo progetto.
E qui potete avere un’anteprima del libro.

Sono dieci euro per un libro che potrebbe essere regalato a tutte le biblioteche scolastiche, per esempio. O agli amici titubanti. O lasciato in giro per un consapevole bookcrossing. O usato come strenna. O letto in pubblico.
Insomma, è un prodotto Pescepirata, come minimo ci si fa un sano guerriglia-marketing.