Gatti coverIn questi giorni uscirà, per Einaudi,
GATTI – I racconti più belli,
un’antologia di racconti di grandi autori che hanno amato e amano queste buffe e meravigliose creature.

Per questa raccolta, Einaudi mi ha chiesto di scrivere un racconto inedito.
Se pensate che ciò sia per me fonte di enorme soggezione, ve lo confermo: è così.
Mi aggiro intimorita tra grandi penne insieme ai gatti di Charles Perrault, Roald Dahl, Honoré de Balzac, Ruyard Kipling, Edgar Allan Poe, Luigi Pirandello, Émile Zola, Doris Lessing, Patricia Highsmith e molti altri. Tutti eccezionali.

Ci ho pensato molto, prima di scrivere questo pezzo. Avevo vari gatti da raccontare, poi ho capito che avevo voglia di farvi conoscere una gattara genovese. Perché da noi, a Genova, i gatti sono… Be’, sono Genova stessa.

La gattara storica genovese è una figura straordinaria, buffa, burbera, contraddittoria, vera, a volte scontrosa, sempre generosa.
Per parlare di lei, per conoscere e creare la mia, ho fatto lunghe chiacchierate con una persona davvero speciale che lavora all’Ufficio Animali del Comune di Genova, Elena Rozzoni. Elena si è innamorata dei miei libri tempo fa, e dei gatti che si aggiravano in alcuni di loro. A lei devo quei dettagli a cui non pensavo, quelle conferme che cercavo, quegli errori che non ho fatto ma che rischiavo di fare.
Dedico a lei questo racconto, e a Freccia, una gatta bianca e grigia che, proprio nei giorni in cui lo stavo scrivendo, è spuntata sotto la mia finestra e mi ha scelta, regalandomi, poi, incontri belli.
E lo dedico a tutte le gattare genovesi, sperando che lo apprezzino (bisogna temerle il giusto, le gattare genovesi, perché non te ne passano una e non te la mandano a dire. Le adoro anche per questo).

«Ma il gatto
vuole solo esser gatto,
ed ogni gatto è gatto
dai baffi alla coda,
dal fiuto al topo vivo,
dalla notte fino ai suoi occhi d’oro».
Pablo Neruda

Tutti gli amanti dei felini lo sanno: i nostri raffinati amici a quattro zampe adorano i libri. Non perdono occasione per accoccolarvisi sopra, per mordicchiarne la copertina, per sdraiarsi, se solo commettiamo l’errore di non dare loro le dovute attenzioni, tra il nostro sguardo e le pagine.
Ma dentro i libri, altrettanto spesso, ci finiscono, grazie alla penna degli scrittori che decidono di farne i protagonisti o addirittura i narratori delle proprie storie.
Dall’inquietante gatto musicale di Roald Dahl al ribelle a quattro zampe di Patricia Highsmith, dal randagio molto speciale di Doris Lessing agli affamati felini di Murakami Haruki (che nessuno vorrebbe avere la ventura di incontrare sul proprio cammino): una galleria dei racconti piú belli che la letteratura di ogni epoca e latitudine ha saputo regalarci.

A cura di Christian Delorenzo. Prefazione di Mauro Bersani.
Con un racconto inedito di Barbara Fiorio.